Accedi

Assistenza

La sua richiesta di assistenza

> ASP > Attuale

Attuale

I diritti dei viaggiatori entreranno in vigore come previsto il 1° gennaio 2021

I trasporti pubblici svizzeri funzionano in genere in modo molto affidabile e si contraddistinguono per un’elevata qualità. Tuttavia, non sempre è possibile evitare eventi imprevisti e ritardi. A partire dal 1° gennaio 2021 i viaggiatori riceveranno pertanto un’indennità se arriveranno a destinazione con 60 o più minuti di ritardo. Questa disposizione vale per tutti i mezzi di trasporto pubblici della svizzera. Anche gli abbonati riceveranno un’indennità equivalente al valore giornaliero dell’abbonamento. Le richieste di indennità possono essere presentate online o presso ogni punto vendita servito.

Con lo SwissPass si possono evitare code alla stazione inferiore

In tempi di COVID-19 il pagamento senza contanti e i biglietti non cartacei diventano sempre più importanti. Al tempo stesso è necessario evitare le code. Grazie allo SwissPass i clienti possono caricare sulla loro carta personale lo skipass ordinato e pagato online e recarsi direttamente al tornello della stazione inferiore. Sono già più di 70 i comprensori sciistici che offrono questo servizio. Con ulteriori soluzioni digitali e un ampio piano di protezione, Funivie Svizzere assicura inoltre che non vi sia nulla d’intralcio a una spensierata giornata sulla neve.

La carta giornaliera Comune continuerà a esistere fino alla fine del 2023

Da aprile 2003 le città e i Comuni svizzeri offrono carte giornaliere per i trasporti pubblici. Ora verranno create nuove basi per questo partenariato fra i trasporti pubblici e i Comuni e le città. L’offerta attuale «carta giornaliera Comune» continuerà a esistere in questa forma fino alla fine del 2023. Per allora le parti coinvolte elaboreranno una nuova offerta per il 2024. Al riguardo si stanno discutendo diverse varianti.

L’attuale carta di accompagnamento è valida un altro anno

La validità dell’attuale carta di legittimazione per viaggiatori disabili, originariamente fissata a fine 2020, sarà prorogata fino a fine 2021. Questo perché sono al vaglio diversi cambiamenti rispetto al prodotto. L’obiettivo è associare la carta di legittimazione allo SwissPass e uniformare il campo di applicazione a quello dell’abbonamento metà-prezzo. Per contenere i costi per gli uffici d’emissione e i clienti, a seguito del prolungamento di validità non saranno stampate nuove carte.

Nessun aumento dei prezzi: offerte più allettanti per i giovani

Nonostante le perdite attese nell’ordine del 25-30 percento, i trasporti pubblici non aumentano i prezzi per il 2021. Per incrementare l’attrattiva dei trasporti pubblici, il settore attua diverse misure relative all’assortimento. Introduce una carta mensile AG e uno sconto di 500 franchi sull’AG per tutti i venticinquenni. I bambini non accompagnati viaggiano gratis fino al 6° compleanno e poi al massimo per 19 franchi al giorno fino al 16° compleanno. Con il «cambio di classe risparmio» e il «piccolo gruppo risparmio» si amplia anche l’assortimento risparmio.

Biglietti risparmio di nuovo in vendita, l’AG potrà ancora essere depositato online

Con la terza fase di rilancio, i trasporti pubblici tornano per la maggior parte a funzionare normalmente sia dal punto di vista dell’esercizio sia da quello tariffario. A partire dall’8 giugno 2020 saranno nuovamente disponibili i biglietti risparmio e le carte giornaliere risparmio. Il settore intende mantenere il deposito online dell’AG introdotto durante la «situazione straordinaria». Con la fissazione in via generale della validità dei biglietti di percorso a un giorno, viene inoltre eliminata un’incoerenza tariffaria.

A partire dal 2021, i ritardi nel TP saranno risarciti in modo uniforme e a misura di cliente

Con la legge federale sull’organizzazione dell’infrastruttura ferroviaria il Consiglio federale rafforza e amplia i diritti dei viaggiatori nei trasporti pubblici in caso di ritardo. L’Alliance SwissPass sostiene tali sforzi, perché si tratta di un chiaro passo avanti a favore degli interessi della clientela. I diritti dei passeggeri saranno introdotti entro il 2021. Il settore tp ha affidato alle FFS il compito di gestire i risarcimenti.

10 maggio: giorno di riferimento per la misura di condiscendenza

L’8 aprile 2020 il settore dei trasporti pubblici ha annunciato che avrebbe risarcito con oltre 100 milioni di franchi i titolari di un abbonamento per il mancato uso durante la pandemia di COVID 19. Senza finanziamenti pubblici, questa misura di condiscendenza è ancora accettabile e sostenibile per il settore. Per chiarire chi sono gli aventi diritto, è stato ora definito il 10 maggio 2020 come giorno di riferimento. Chi possiede un abbonamento annuale di comunità, di percorso o modulare, riceve 15 giorni in omaggio.

Il settore tp risarcisce i clienti degli abbonamenti con 100 milioni

Dall’inizio della «situazione straordinaria», la domanda nei trasporti pubblici è calata dell’80 percento circa. Il settore perde così ricavi nell’ordine di 500 milioni di franchi al mese. Circa 150 000 clienti hanno depositato il loro AG. Nel contempo, su incarico della Confederazione, i tp assicurano un’offerta di base ridotta per la Svizzera. Nonostante questa difficile situazione, ai titolari di un abbonamento generale, di comunità, di percorso e modulare annuale saranno accordati 15 giorni in più di condiscendenza. Riceveranno un indennizzo anche i titolari di abbonamenti mensili.

La Alliance SwissPass è il nuovo tetto dei trasporti pubblici

Il 1° gennaio la Alliance SwissPass, la nuova organizzazione di settore dei trasporti pubblici, è diventata operativa. 250 imprese di trasporto e tutte le 17 comunità tariffarie regionali si sono riunite al suo interno per sviluppare i trasporti pubblici a favore della clientela. In occasione di una conferenza stampa, il direttore Helmut Eichhorn e i membri del Consiglio strategico Bernard Guillelmon e Andreas Büttiker hanno presentato la Alliance SwissPass e reso omaggio ai recenti successi comuni del progetto.

Toccata quota 500 000: più di mezzo milione di abbonamenti generali in circolazione

I trasporti pubblici della Svizzera hanno raggiunto un altro traguardo. Alla fine di settembre 2019, per la prima volta nella storia, c’era in circolazione mezzo milione di abbonamenti generali (AG). L’AG gode di una popolarità in perenne crescita, con un volume che aumenta di anno in anno di circa 10 000 abbonamenti. In segno di ringraziamento a tutta la clientela AG per la fedeltà dimostrata, Nina Jakob ha ricevuto in regalo un abbonamento di prima classe.

Introduzione definitiva del ticketing automatico in tutta la Svizzera nel 2020

Il settore dei trasporti pubblici ha testato dall’inizio del 2018 il ticketing automatico: avviare la registrazione del viaggio, salire a bordo, viaggiare e pagare in un secondo momento in base al consumo. Alla luce dei risultati positivi ottenuti dal test di mercato, la tecnologia sarà introdotta con il 2020 nell’esercizio regolare dei trasporti pubblici. Questo fa della Svizzera il primo Paese a offrire su scala nazionale il Post-Price-Ticketing.

Nuovo servizio online per i clienti TP: Il sito swisspass.ch ora accessibile anche con lo SwissID

Dal 26 agosto 2019 i clienti SwissPass hanno la possibilità di eseguire il login al sito web swisspass.ch con lo SwissID di SwissSign Group. Il login SwissPass rimane valido, continua a essere disponibile senza restrizioni e può essere utilizzato da tutti i clienti, anche senza SwissID.

Il settore dei TP vuole rendere più attrattivo e semplice l’assortimento per i viaggiatori

Negli ultimi anni, i trasporti pubblici hanno compiuto notevoli progressi nell’ambito dei prezzi e dell’offerta, con l’introduzione della carta giornaliera risparmio, dell’abbonamento Svago o dell’abbonamento seven25. Essi si impegnano stabilmente per un’offerta semplice e interessante. Una premessa è tuttavia di non aumentare ulteriormente il livello generale dei prezzi. Nessuna novità concreta si preannuncia, nel breve e medio termine, per quanto concerne l’AG. Finora il settore non ha preso alcuna decisione al proposito.

Prende avvio il registro nazionale dei viaggiatori senza biglietto nel settore dei trasporti pubblici

Il 1° aprile 2019 il settore dei trasporti pubblici istituisce una banca dati centrale, già preannunciata lo scorso anno, per il rilevamento dei viaggiatori senza o con un titolo di trasporto solo parzialmente valevole. L’adozione del registro, che si rifà a una risoluzione parlamentare del 2015, consentirà di identificare più rapidamente i recidivi, di uniformare le procedure a livello svizzero e di semplificare i processi. Al contempo, alcune imprese di trasporto offrono una soluzione online per la presentazione di abbonamenti dimenticati.

Helmut Eichhorn nuovo direttore dell’organizzazione tariffaria nazionale dei trasporti pubblici ch-direct

Nella riunione del 6 marzo 2019, il Consiglio direttivo dell’organizzazione tariffaria nazionale ch-direct ha nominato nuovo direttore il quarantaquattrenne Helmut Eichhorn, il quale sostituirà i co-direttori ad interim Jeannine Pilloud e Markus Thut con effetto dal 1° luglio. Helmut Eichhorn vanta oltre 20 anni di esperienza nel settore dei trasporti pubblici.

Il settore decide di non applicare aumenti generali dei prezzi ai trasporti pubblici nel 2020

Per la terza volta consecutiva, il settore dei trasporti pubblici rinuncia ad aumenti generali delle tariffe. Questo è quanto deciso dall’organo responsabile, la Commissione strategica Servizio diretto (StAD), nella riunione del 6 marzo 2019. I prezzi dei biglietti singoli e degli abbonamenti, ridotti nel 2018, rimarranno dunque invariati anche nel 2020.

«seven25», il comfort dell'AG dalle 19.00 per i giovani clienti dei trasporti pubblici a soli CHF 39.- al mese

I trasporti pubblici rendono i viaggi per i giovani più semplici, flessibili e allettanti in termini di prezzo: l’assortimento per i giovani, che verrà introdotto il 1° maggio 2019, comprenderà due nuove offerte rivolte alle esigenze di viaggio dei giovani clienti dei trasporti pubblici. Con il nuovo abbonamento seven25 i giovani potranno viaggiare dalle 19.00 come con un AG per CHF 39.- al mese. Il nuovo metà-prezzo per giovani, il «biglietto d’ingresso» per i trasporti pubblici, è disponibile già da CHF 100.-.

Soppressa definitivamente la tassa di deposito per titolari di AG

Da marzo 2018 le e i titolari di un abbonamento generale non pagavano più nessuna tassa per il deposito del loro AG, una norma temporanea che avrebbe dovuto essere nuovamente annullata il 1°marzo 2019. Ora il settore dei trasporti pubblici ha tuttavia deciso di sopprimere in via definitiva la tassa di deposito di 10 franchi.